Gesù: qual è la sua biografia completa? In quali testi compare oltre che nei Vangeli canonici?

Gesù: qual è la sua biografia completa? In quali testi compare oltre che nei Vangeli canonici?

Una figura molto importante nella religione cristiana/cattolica è senza dubbio l’uomo che è conosciuto come il vero figlio di Dio: Gesù.

Conosciuto anche con il nome “Messia”, egli fu una figura molto importante nel mondo perché aveva una missione: portare la parola di Dio negli uomini, in molti libri è descritto come un tramite del Signore e molti sono i suoi miracoli scritti nella Bibbia, soprattutto per quanto riguarda la sua Resurrezione.

Ecco la sua storia e su quali altri testi compare la sua figura importante.

Qual è la sua biografia completa?

La sua nascita la conoscono in molti: Maria, giovane donna e promessa sposa al falegname Giuseppe, ricevette una visita da parte dell’Arcangelo Gabriele, Arcangelo dell’annunciazione, le disse che avrebbe portato in grembo il figlio di Dio.

All’epoca Maria non solo era appena stata mandata in sposa a Giuseppe a Betlemme, ma era ancora vergine, quindi questa nascita fu un miracolo anche per via che la sua nascita avrebbe portato al Re Erode.

Egli infatti ricevette la notizia della sua nascita dai tre Re Magi, per evitare la nascita di questo bambino ordinò di uccidere tutti i bambini maschi appena nati sperando che tra di essi c’era questo bambino, invece Giuseppe e Maria, già incinta, riuscirono a scappare a Nazaret dove in una stalla venne alla luce.

Questo momento venne nominato “strage degli innocenti”.

Molti racconti narrano che i Re Magi riuscirono a trovare la via verso di lui attraverso il deserto grazie alla comparsa di una stella cometa in cielo e grazie ad essa gli offrirono i doni: oro, incenso e mirra.

Il giorno della nascita di Gesù è conosciuta in tutto il mondo il 25 dicembre dell’anno 0, in quella stessa data comparve pure un angelo ad un gruppo di pastori annunciando loro che era nato il Salvatore e anche loro si recarono presso il luogo della sua nascita.

In Egitto venne presentato al tempio di Gerusalemme dove venne venerato, ancora in fasce, dal sacerdote Simeone che lo benedì e lo chiamo Messia, dopo la cerimonia i genitori lo ritornarono a Nazaret.

Ogni anno Gesù Giuseppe e Maria tornavano al tempio portando un capretto per il giorno della Pasqua ebraica, e fu durante una di queste occasioni che il dodicenne Gesù, senza avvisare i genitori che stavano per tornare a Nazaret, ritornò indietro presso il tempio di Gerusalemme, dopo tre giorni Maria e Giuseppe lo ritrovarono in mezzo ai dottori che li ascoltava e chiedeva delle informazioni.

Crescendo imparò il mestiere di suo padre: il falegname, anche perché Giuseppe morì prima che diventasse adulto, questo lavoro almeno gli assicurò un po’ di sicurezza economica.

Secondo la Bibbia iniziò a predicare sulla parola di suo padre Dio quando raggiunse l’età di trent’anni, dopo che chiese a Giovanni Battista di battezzarlo sul fiume Giordano, dopo il suo battesimo Gesù si recò nel deserto dove restò a digiuno per quaranta giorni e durante questo periodo ricevette varie volte in visita la figura del demonio.

I suoi miracoli furono molti e grazie ad essi la popolazione iniziò a cambiare idea sulla figura del Dio Onnipotente:

  • curò dalla febbre la suocera di Simone, detto Pietro, suo primo apostolo;
  • curò il lebbroso Galileo,
  • curò un paralitico,
  • guarì una donna che soffriva da anni di perdite di sangue,
  • ridiede la vista ad un cieco,
  • scacciò via anche dei demoni, uno si trovava nella sinagoga di Carfanao,
  • evitò una possessione di un demone su una bambina,
  • riportò in vita Lazzaro,
  • calmò una tempesta,
  • camminò sulle acque,
  • moltiplicò pane e pesci,
  • trasformò l’acqua in vino durante le nozze di Cana,

Col tempo raccolse molti uomini intorno a sé facendoli diventare i propri apostoli, al primo cambiò nome: da Simone il pescatore a Pietro pescatore di uomini, e grazie a lui che venne edificata la prima pietra della chiesa cristiana.

Dopo l’ultima cena confessò che in quella tavola uno di loro lo avrebbe tradito e quando Pietro chiese se sarebbe stato lui, Gesù gli disse che prima del canto del callo lo avrebbe rinnegato per tre volte.

Fu tradito dopo l’ultima cena da Giuda che lo vendette ai soldati romani e grazie al bacio i soldati riuscirono a catturarlo e a portarlo davanti a Ponzio Pilato dove venne torturato e interrogato per fargli confessare che in realtà non era figlio di Dio.

Non trovandolo colpevole lo mandò al figlio di Erode che era diventato re di Galilea dopo suo padre che a sua volta lo rimandò a Pilato.

In arrivo della festa di Pasqua, Pilato tentò di salvare Gesù proponendo al popolo una scelta tre Gesù e l’assassino Barabba, la folla scelse di salvare il secondo e condannò allra Gesù per il reato di lesa maestà.

Gli fecero indossare una corona di spine in testa, messo un mantello rosso addosso ed infine gli venne legato ad una croce sulle spalle e, circondato dalle angherie delle persone, fu offeso, umiliato e colpito con le pietre durante la via Crucis dove alla fine i soldati gli inchiodarono mani e piedi sulla croce e venne crocefisso in mezzo ad altri due condannati.

In mezzo alla folla però si trovavano sua madre, Maria Maddalena e un certo Simone di Cirene che lo aiutò a portare la sua croce durante la salita sulla collina.

Erano circa le 9 del mattino e morì verso le 15 del pomeriggio, prima della sua morte accadde che il cielo si oscurò a mezzogiorno e poi un terremoto.

Alla sua morte fu fatto scendere e messo tra le braccia di Maria per l’ultima volta, poi fu avvolto in un lenzuolo e lo deposero in una caverna chiudendola dall’esterno, dopo tre giorni trovarono la caverna aperta e il lenzuolo vuoto.

Gesù era risorto e lo annunciò Maria di Maddalena dopo averlo incontrato e dicendole di non toccarlo perché ancora non aveva raggiunto il padre Dio.

In quali testi compare oltre che nei Vangeli canonici?

Molti sono i testi come la Bibbia in cui compare Gesù, come anche nei vari testi e libri che riguardando la prima comunione, anche dei libri a lui dedicati sono stati scritti e si possono trovare nelle librerie.

Anche nei testi del Vecchio e Nuovo testamento è possibile trovare la sua parola e la sua storia più dettagliata.