Torta pistocchi: ricetta, ingredienti e passaggi

Non tutti forse la chiamano Torta Pistocchi, ma di certo quasi tutti la conoscono. Quest’ultima non è nient’altro che la torta fondente di cioccolato nata nel 1990 proprio ad opera dello chef Claudio Pistocchi. Pistocchi lavorava in un ristorante a Firenze come Executive chef quando inventò questo dolce. Dolce che divenne in breve tempo una delle torte di certo più amata e più conosciuta di Firenze.

La torta Pistocchi

Questa tipologia di torta non è una semplice torta al cioccolato, poiché sembra davvero un grande cioccolatino cremoso è morbido. La consistenza è decisamente diversa rispetto alle classiche torte al cioccolato. Essa è un prodotto esclusivamente creato artigianalmente rispetto a molte altre torte. Si utilizzano unicamente il cioccolato fondente, il cacao amaro in polvere e pochissima crema al latte.

Pistocchi, infatti, non utilizza nel suo impasto nè farina, né uova, né tanto meno burro. Così facendo la torta risulta più leggera e compatta. La ricetta non utilizza nemmeno additivi o conservanti di vario genere, risultando anche particolarmente salutare è sicura.

Lo scopo era quello di creare un dolce che facesse parte della tradizione, ma che allo stesso tempo fosse diverso rispetto a tutte le altre. Ed inoltre che potesse avere quella marcia in più che i dolci tradizionali non avevano. L’utilizzo o quasi di cioccolato, la rende il dolce perfetto per moltissime occasioni anche per quanto riguarda la presentazione. La Torta Pistocchi, infatti, può essere anche presentata tagliata a piccoli cubetti, poiché davvero rimane compatta come un cioccolatino e può essere consumata anche semplicemente assaporando un caffè.

Per prepararla occorrono 200 g di cioccolato fondente al 75%, 200 g di panna fresca e 17 g di cacao amaro. Occorre mettere i pezzetti di cioccolato a bagnomaria e farli sciogliere. Contemporaneamente in un tegame si mette la panna sul fuoco e quando è tiepida si aggiunge il cacao amaro setacciandolo pian piano. Una volta creato questo impasto, si aggiunge il cioccolato precedentemente sciolto ed infine si versa nello stampo. A questo punto occorre raffreddare il composto in frigorifero prima di poterlo servire.

L’origine del marchio

Moltissimi sono i dolci che vengono proposti che assomigliano e vogliono ricalcare in qualche modo la Torta Pistocchi, che però in realtà è solo una.  Inizialmente non ci si è posti questo problema poiché l’invenzione era unica e in un primo momento rimaneva nell’hinterland fiorentino. Inoltre non non si sapeva quale sarebbe stato l’apprezzamento del pubblico.

In breve tempo però, questo dolce ha assunto una tipicità tale da essere sempre più amato, ma soprattutto anche imitato. Una delle paure più reali era però la possibile imitazione di questo dolce. Per questo,dopo pochi anni dall’invenzione, è stato creato il vero e proprio brand Tortapistocchi per evitare i primi tentativi di imitazione.

Nel tempo la torta Pistocchi ha iniziato man mano a farsi conoscere ed è cresciuta fino a raggiungere le vette più alte. Questo non solo in Italia ma anche nel mondo del cioccolato artigianale. Oggi ovunque la torta Pistocchi è un vero e proprio fenomeno. Nel 2016 ha vinto una stella al Great Taste. e moltissimi sono i premi che ha vinto la torta Pistocchi in tutto il mondo. Tra questi c’è la medaglia d’oro italiana del 2013 agli International chocolate Awards. 

Leave a Reply