Guida ai bonus fiscali casa 2019

Quali sono i bonus fiscali casa integrati nel 2019 previsti per chi esegue lavori di ristrutturazione oppure di adeguamento energetico? La legge di bilancio 2019 ha prorogato i bonus fiscali in vigore nel 2018, pubblicando una serie di normative in riferimento agli ambienti domestici.

I bonus integrati per la ristrutturazione

In presenza di opere di ristrutturazione si potrà usufruire della detrazione Irpef al 50% fino al 31 dicembre 2019, integrando una spesa massima pari a 96.000 euro per ciascuna unità immobiliare. Tale detrazione risulta fruibile per i singoli lavori di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia.

La ristrutturazione delle parti comuni di edifici catalogati come condominiali potranno usufruire delle detrazioni in presenza di opere di manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, ristrutturazione edilizia, restauro e risanamento conservativo. La detrazione dovrà essere ripartita in 10 quote annue sulla base dello stesso importo, sotto la necessità di pagamenti effettuati tramite bonifico bancario o postale. Tra i requisiti dovranno configurare la causale del versamento, citando l’articolo 16-bis del Dpr 917/1986, codice fiscale del beneficiario, codice fiscale o numero di Partita Iva del soggetto pagante.

I bonus per gli interventi di risparmio energetico

Le ristrutturazioni per gli impianti di risparmio energetico dovranno essere adibiti alla riduzione delle dispersioni termiche di pareti verticali, sostituzione degli infissi, installazione dei collettori solari, coperture e pavimenti, generatori di calore ad aria a condensazione, sostituzione di generatori di calore con caldaie specifiche a condensazione, sostituzione di pompe di calore per climatizzazione degli ambienti, sostituzione di scaldacqua tradizionali, installazione di sistemi di contabilizzazione del calore all’interno degli impianti centralizzati, sistemi ibridi, sistemi di termoregolazione, building automazione.

In questo caso si dovrà inviare anche una comunicazione all’Enea entro i 90 giorni fissati dal termine dei lavori eseguiti.

Acquisto elettrodomestici e ristrutturazione casa

Le detrazioni fiscali comprenderanno la possibilità di fare richiesta indirizzata a tutti coloro che acquistano elettrodomestici nel corso del 2019, compresi i lavori di ristrutturazione, usufruendo del bonus mobili a partire dal 1 gennaio 2018. La detrazione comprenderà gli acquisti di classe non inferiore alla A+ per quanto riguarda i forni, sotto un vincolo massimo di 10.000 euro, ripartita in 10 quote annuali.

Per il giardino di casa si potrà ottenere una detrazione del 36% sotto una spesa massima di 5.000 euro e una detrazione massima di 1.800 euro per immobile. L’attuale legge di bilancio ha protratto il bonus per altri dodici mesi, prevedendo una comunicazione all’Enea entro 90 giorni, attraverso la modalità telematica, allegando la scheda informativa degli interventi realizzati,  le relative informazioni contenute nell’attestato APE di prestazione energetica.

Leave a Reply